Brutto incidente: Sam in ospedale thai

——- ——- ——- ——- ——- 13-01-2011 ——- ——- ——- ——- ——-

Cari amici, è la prima volta che non scrivo di persona, ma dettando…
non ho una segretaria, no 😉 ma un amico che mi è venuto a fare visita.

Sono da 7 giorni in ospedale a Phuket – Thailandia, per un brutto incidente in moto causatomi da un'”auto pirata”, fuggita, come qua solitamente accade.
Non riesco ancora a leggere, scrivere, né alzarmi, per cui vi racconto dal letto:
Verso le ore 23 del 6 gennaio 2011 (ore 17 italiane) una grande auto, un SUV, spunta dalla curva contromano e me la vedo quindi dritta addosso, ma un metro prima dell’impatto difficilmente raccontabile, ho avuto l’istinto/decisione di uscire di strada con la moto, poi non ricordo niente…
Non ricordo né di aver perso il controllo della moto, né di essere caduto, e nessun dolore… è come se “qualcUno” mi avesse “disconnesso” dal mio corpo che stava subendo più di 200 ferite (la maggioranza piccole), 3 piccole fratture alla testa (nonostante il casco thai), un dente rotto, un gran buco nel ginocchio sx, ematomi ed abrasioni multiple su tutta la parte sx del corpo, dal piede alla spalla, e su mano/avambraccio dx; ma la peggiore ferita ed il danno maggiore è nella zona occhio/tempia/fronte sx:
“operazione di tre ore riuscita, ho perso il conto dei punti interni” dice il chirurgo, “temevo danni al cervello ed all’occhio, ma il peggio è stato evitato!”

Mi dicono che sono finito di testa sui massi, dove sono rimasto per un’oretta; tre tedeschi lì residenti, sentendo un gran frastuono, sono usciti a vedere cosa fosse successo, ma non hanno visto niente, né la moto, né me, perché nascosti dall’erba alta. Dicono che i cani continuavano ad abbaiare allora sono usciti con una torcia e così hanno raccontato di aver visto “uno zombie coperto di sangue”… era il mio corpo, ma chissa’! io dov’ero?
Ho ripreso conoscenza dopo 90 minuti, in ambulanza, ma solo per il tempo di chiedere ad un ragazzo (conosciuto tre giorni prima sulla spiaggia) che trovandomi in terra mi ha accompagnato all’ospedale, cosa fosse successo; ho poi subito verificato che avessi ancora tutto con me: il cellulare nella tasca sx, il bancomat thailandese, la carta di credito italiana, qualche soldino e la fotocopia del passaporto in tasca dx, poi occhiali, infradito, mazzo di chiavi di casa e della moto; una volta capito di “avere tutto”, ho tolto tutte queste cose dalle tasche, le ho date al ragazzo, e poi ancora il vuoto… non ricordo più niente per ore.
“Devi essere operato rapidamente alla testa” mi ha detto subito il chirurgo in ospedale, “ma finché non hai almeno 3.000 euro come anticipo, non ti operiamo”… infatti sono stato operato dopo due giorni, quando un amico mi ha prestato la cifra “salvavita”. Ieri ho chiesto loro, se fossi stato in fin di vita, che cosa avrebbero fatto, e mi hanno risposto che mi avrebbero trasferito all’ospedale pubblico, decisamente meno confortevole: OK, meglio così, ancora una volta per me è stato scelto il Meglio!
In effetti, non sapendo se potevo pagare, mi avevano portato all’ospedale pubblico, ma il ragazzo che era con me in ambulanza, vedendo certe cose un po’ forti, ha chiesto se non ci fosse un ospedale Migliore, è così che quelli dell’ambulanza mi hanno portato alla mia seconda destinazione, definitiva.
I miei genitori, sorella e fratello, sono stati efficientissimi nel creare una vera e propria “unità di crisi”, dividendosi i compiti e ritrovandosi per gli aggiornamenti, sono stati meravigliosi! Ma trasferire i soldi dall’estero richiede più tempo.
Quest’ospedale è il migliore dell’Isola di Phuket, ma è un’azienda privata, anche quotata in Borsa, per cui la logica del profitto segna le priorità…
“Grazie a Dio!”, comunque, che qui sono così bravi.
Con molta efficienza ogni giorno mi presentano anche il conto totale aggiornatissimo di ogni dettaglio e mi chiedono di pagare non appena possibile; dopo 7 giorni ho superato gli 8.000 euro di spesa, l’operazione di domani costa 5.000 euro, poi non so… ma la mia assicurazione ne arriverà a coprire soltanto 1.500.
Se ne va così il mio stipendio per 2-3 anni… molto ridotto per incrementare il tempo dedicato a me ed agli altri… sono scelte, ed ogni scelta ha le proprie facce.
Adesso spero, ma ne sono abbastanza certo, che gli “altri” a cui mi sono dedicato e mi dedico, possano aiutarmi anche economicamente.

Tra un’oretta mi tocca la seconda operazione, che prevedono di due ore e mezzo, sia alla testa che al ginocchio, in anestesia totale.

Domani, venerdì 14 alle ore 5 di notte, italiane, la terza operazione, sempre in anestesia totale, sia al ginocchio, che di chirurgia estetica, ovvero il trapianto di pelle nella zona occhio/tempia/fronte sx, non tanto a scopo estetico, quanto per avere nuovamente la possibilità di aprire e chiudere l’occhio sx, adesso poco possibile.
La cosa più dolorosa, straziante! è la quotidiana pulizia interna del ginocchio da terra e sporco; me lo tengono ancora aperto da una settimana.

L’unica cosa di cui mi raccomando, cari amici, è di “NON TELEFONARE AI MIEI GENITORI!!!” occupatissimi negli urgenti preparativi per il loro più grande e preoccupato viaggio, che faranno tra l’altro da soli:
partiranno da Firenze in aereo domani, e con il terzo aereo mi raggiungeranno giovedì 3 febbraio: renderemo queste 2-3 settimane insieme, dense di Bellezza, per sempre 😉

Non ho realmente bisogno di niente, tutto va Bene: ho Fiducia che al “caso” o alla “sfortuna” non viene mai concesso spazio, dal “Disegno Superiore”…

Se vuoi fare concretamente qualcosa per aiutarmi, occupati di dedicarmi qualche preghiera, o pensiero profondo: ha un’importanza da non sottovalutare. Unisciti con sentimento alle mie richieste, di non sentire il dolore, e di trarre il Massimo da quest’avventura… realizzeremo insieme “Miracoli”… io ne sono certo, ma non lasciarmi da solo.
Se vuoi anche offrirmi un contributo economico per questi 15-18.000 euro, puoi fare un bonifico verso il mio conto italiano, intestato a “Samuele Canestri”, scrivendo come causale ciò che preferisci dirmi, ed IBAN IT26O0316501600000110190092 (dopo IT26 c’è la lettera O, poi il numero zero); se lo fai da fuori Italia occorre anche il codice Swift/BIC: IWBKITMM.
Le nostre “Anime” darebbero sempre tutto ciò che possediAMO e che troviAMO, a chiunque ci chieda qualcosa, ma la nostra “mente automatica/ordinaria/superficiale” solitamente approva di dare soltanto se si riceve direttamente almeno pari valore in cambio… dimmi quindi se c’è qualcosa che potrei fare di utile/importante per te, o per i tuoi cari.

Sai se ci sono dei fondi in supporto a chi subisce incidenti a causa di “auto pirata”? o hai altre idee che possano essermi d’aiuto?

Nessuna frattura rilevata alla Fiducia che, comunque, tutto va essenzialmente verso il Meglio… quanto Meglio, dipende anche molto da noi 😉
Vi voglio bene… e per ogni aggiornamento ed interventi ci diAMO appuntamento su FaceBook (dove ho già visto molta partecipazione) e qui su questo blog 😉
Adesso vi saluto, tra 10 minuti mi portano in sala operatoria… sono Felice che ci sentiAMO domani, quando avrò splendidamente superato anche queste, seconda e terza operazioni, e tre anestesie totali in otto giorni!

Grazie per la CooperAzione… grazie alla quale non c’ammazza nessuno 😉
…e se te lo dico convinto, con più di 200 ferite, ematomi, abrasioni profonde, 3 fratture alla testa, la tempia aperta tra mezz’ora ed il ginocchio aperto da una settimana, un po’ di Fiducia dammela 😉
Samuele Canestri

Cellulare thai: 0066 (o +66) 828090117

SMS dall’Italia (ti costano sempre come se io fossi in Italia): 328.7078299

Skype: Sam.NaturaOlistica.it

FaceBook è un modo evolutissimo di stare in contatto e crescere insieme, alla grande anche!

Ecco l’album fotografico “L’IMPATTO…”

——- ——- ——- ——- ——- 30-01-2011 ——- ——- ——- ——- ——-

Carissimi Amici,
sto ogni giorno un po’ Meglio, cammino poco e solo con le stampelle, il ginocchio mi fa sempre un po’ male, finalmente apro un po’ di più la bocca senza dolore, non posso vedere il sole per tre mesi, ma sto vivendo la Luce attraverso di voi 😉
Sono piuttosto “stordito”, sarà la testa più aperta (forse anche perché con tre fratture e la tempia sfondata? 😉 mi sento un po’ come “approdato in una dimensione diversa, un nuovo stato di coscienza”… mi sento diverso, sento il mondo un po’ diverso… ancora non capisco bene, ma non ho fretta…
Sono rimasto stupefatto dalla vostra sentita partecipazione!!!
Qualcuno di voi non mi vede o sente da 15 anni ma è stato prontissimo ad offrire la propria disponibilità verso i miei genitori e mandandomi anche un aiuto economico,
idem altri di voi che mi hanno visto 1-2-3 volte soltanto,
una mia amica erborista di Roma, ha detto che stava andando a fare un bonifico per aiutarmi a sostenere tutte queste spese ospedaliere, e la sua dipendente le ha dato dei soldi da mandarmi, pur non conoscendomi.
Qualcuno di voi ha inoltrato al proprio indirizzario la mia email dell’incidente e così qualcuno di assolutamente sconosciuto mi ha scritto, mandato preghiere e qualche soldino…
Ringrazio di Cuore il mio carissimo Amico Fausto Carotenuto per questo gesto d’Amore, il Movimento “Una Rete d’Amore” che ha creato ed alcuni aderenti che, pur senza conoscermi, mi hanno sostenuto.
Condividete, condividete con forza tutto ciò che sentite importante!
Resterete stupiti dell’Energia scaturita!
Tutto ciò è molto importante, adesso soprattutto per me, ma non solo…
Sono sicuro che avete sollecitato molto la mia guarigione con i vostri buoni pensieri sentiti e con le vostre preghiere… (la mia anestesista mi ha visto in giro per l’ospedale con le stampelle e non ci poteva credere che già fossi in piedi da solo!)
Io non avrei immaginato un tale “schieramento”… resto ancora “stordito” da tutta questa potente eco!
Sto riflettendoci molto, anche su come rinGRAZIArvi.
Per quanto riguarda le operazioni le ho fatte tutte, credo, tre al ginocchio, due alla testa e la chirurgia plastica alla tempia/contorno occhio/palpebra… tre anestesie totali in otto giorni.
Forse occorre una seconda chirurgia estetica intorno all’occhio, tra 3-6 mesi… ma preghiAmo affinché il contorno del mio occhio sx riprenda la sua bella forma da sé, anche perché tale operazione solleverebbe ulteriormente la spesa a 20-23.000 euro 🙁
Le medicazioni alla tempia e ginocchio adesso me le faccio da solo, era troppo costoso stare in ospedale! Ci torno con un’ora di taxi ogni 3 giorni.
Potrei anche tornare in Italia, anche se cammino ancora con le stampelle, i miei genitori rientrano tra 3-4 giorni, ma scelgo di stare qua ancora, direi altri 3 mesi.
Penso/spero/sento che qualcuno si prenderà cura di me quando i miei partiranno, ancora non so chi, ma… ho piena Fiducia!
Tra 8 giorni devo obbligatoriamente uscire dalla Thailandia per motivi di Visto, non ho la minima idea se andare a Bali in Indonesia, o in Malesia, Cambogia, Vietnam… vedrò, e non mi spaventa neanche andare in un altro Stato da solo con le stampelle, ma se sono superman e voi continuate a pensarmi così tanto, a mandarmi amore e preghiere, potrei anche incredibilmente ipotizzare di riuscire a prendere l’aereo con una stampella sola 😉 non lo so, vedremo…

Voglio che tu, che mi leggi, stia bene,
che tu scelga in ogni momento il Meglio per te,
che tu ti prenda cura di Te,
poi delle persone che hai più vicine
in modo creativo, sollecitando il Meglio in loro,
e desidero che ci pensassimo reciprocamente.
Il mio cellulare è acceso 24 ore su 24, perché sono sempre contento di parlare con chi mi vuole Bene.
Qua siamo 6 ore avanti, ma se desideri chiamarmi fallo in qualsiasi momento, non guardare l’orologio insomma, se ti nasce il desiderio di parlarmi 😉
Vi sento tanto vicini, 11.000 Km e non sentirli!
Non so se immaginate la mia Gioia di avervi nella mia Vita.
Un immenso abbraccione forte forte che attraversa l’Oceano, i cieli ed i continenti.
Mi scendono le lacrime solo per avervi scritto queste righe, sono lacrime di Gioia, siate Felici! prima per voi e poi per me.
Sam

Cellulare thai: 0066 (o +66) 828090117

SMS dall’Italia (ti costano sempre come se io fossi in Italia): 328.7078299

Skype: Sam.NaturaOlistica.it

FaceBook è un modo evolutissimo di stare in contatto e crescere insieme, alla grande anche!

Ecco l’album fotografico “L’IMPATTO…”

——- ——- ——- ——- ——- 31-01-2011 ——- ——- ——- ——- ——-

La battuta più bella me l’ha scritta in chat il mio caro amico Alberto di Biella:
“ciao sopravvissuto!
Ho saputo che fai i crash test per la Thailandia…
Ma sei ancora demolito?”

……fino alla fine della conversazione in chat non si smentisce, e mi saluta così:
“saggio resciutitato
resciuscitato
…hahahhaa”

Bellissimo!!! grazie per la simpatia 😉

Le mie ultime parole famose… reali!

– “quest’inverno andrò qualche mese in Thailandia che ci sto bene e la vita costa poco… la macchina mi costa troppo, noleggio la moto” (quasi 20.000 euro tra ospedale, medicine, riabilitazione, etc… 😉

– “uno degli aspetti che mi porta a scegliere di stare qualche mese in Thailandia è che là riesco a sviluppare una GRANDE APERTURA MENTALE” (tempia sfondata e tre fratture alla testa!)

– “là l’incomprensione è quotidiana… imparo così a lasciar andare tutto ciò che non mi torna, che non capisco… senza sbatterci la testa” (noooooooooo, macché!!! hahahahah)

——- ——- ——- ——- ——- 04-02-2011 ——- ——- ——- ——- ——-

DAI MIEI GENITORI

Caro Sam,
questo è un nostro pensiero che ci piacerebbe tu diffondessi e pubblicassi.
Baci da noi tutti.

Firenze, 4 febbraio 2011

Siamo i genitori di Samuele Canestri, al nostro ritorno dal viaggio in Thailandia, precisamente nell’isola di Phuket, dove il 6 gennaio nostro figlio è stato vittima con la sua moto, di un incidente causato da un’auto Pirata, che veniva contromano e che poi è fuggita.

E’ doveroso per noi ringraziare tutti i suoi amici italiani e di altre nazionalità che nei primissimi momenti, ed ancor oggi, gli sono stati fraternamente vicini, fisicamente e moralmente, provvedendo alle prime necessità anche economiche d’urgenza, con Sam senza conoscenza, in assenza di noi genitori, e che continuano ad esserlo ancora.

Siamo molto grati, ci ha profondamente commossi, e ci piace poter ringraziare anche quelle persone che da lontano gli sono state vicino sia con le preghiere, meditazioni, pensieri positivi, economicamente, etc… per la sua sollecita ripresa e guarigione, durante la sua permanenza in ospedale.

Un ringraziamento particolare a tutte quelle persone che sono in comunicazione tramite internet, facebook.com, couchsurfing.org, unaretedamore.net e quindi attraverso questo mondo virtuale; ma noi possiamo garantirvi, ed è qui il punto della nostra riflessione più profonda, che questo mondo virtuale non è così virtuale, e siamo noi commossi testimoni di quanto tramite esso si possa realmente concretizzare, come abbiamo visto fare mentre eravamo lì in ospedale da Samuele, e poi a casa sua.

Ci spieghiamo: sono venuti a trovare nostro figlio ragazzi e ragazze, egiziani, inglesi, italiani, tedeschi, jamaicani e varie persone thailandesi che venivano in ospedale, poi a casa, dopo aver lavorato l’intera giornata, portando sempre un pensiero.
Pensate una ragazza thailandese gli ha portato una confezione di barattolini di brodo di pollo, perché è un ottimo ricostituente da prenderne 2 barattolini al giorno (anche da noi in Italia usava questo tanto tempo fa).

Non potete immaginare quale grande commozione anche i pensieri di solidarietà, di incoraggiamento che giorno dopo giorno arrivavano, perché sono linfa vitale per non sentirsi soli, allettati in ospedale, tra un’operazione e l’altra, in una terra così straniera.

Quindi grazie e ve ne saremo riconoscenti per tutta la VITA , per quello che ciascuno di voi ha fatto e continua a fare nei vari modi, visto che Samuele è là “solo” e non ancora autosufficiente.

Un’esortazione ci piace fare e condividere con tutti, verso un maggior senso di responsabilità civile per gli abitanti di quella Terra (un invito al Re ed alla Regina, anche loro genitori) ad intervenire con più presenza di infrastrutture, meno buche, sabbia e più luce nelle strade, più controlli verso i molti ubriachi alla guida, veicoli non omologati e non assicurati, etc… ma come ogni cosa ha il suo lato positivo e negativo, e forse, questo mondo di libertà, insieme alla bellezza della loro natura, il carattere e gli occhioni neri e pungenti dei loro occhi, il sorriso, la gentilezza, la premura per gli anziani, etc… è il bello di quella Terra che la rende così particolare.

Un grazie infinito a tutti, di Cuore, da mamma Piera e babbo Ido.

Qui alcune foto.

——- ——- ——- ——- ——- 14-02-2011 ——- ——- ——- ——- ——-

DAI MIEI GENITORI

Firenze 14 febbraio 2011

Cari amici ed amiche, solo oggi abbiamo letto i vari commenti di tutti VOI:
Grazie per aver dedicato un attimo del Vostro tempo per condividere con noi questa esperienza del vissuto di Samuele: ci ritroviamo in ciò che ci avete scritto, grazie, ma credeteci non siamo dei genitori speciali, siamo solo persone che credono nella realizzazione del meglio di ciascuna persona e come alcuni di VOI sanno, siamo stati nel ben lontano 1970, a Firenze, fondatori delle “Casa-Famiglia” di un Istituto fiorentino che si chiama “Istituto Madonnina del Grappa”; questo in qualche modo, può darsi che su Samuele abbia influito.
Ci stiamo piano piano preparando ad addentrarci in questo mondo tecnologico, tant’è vero che ci è piaciuto, dopo aver letto tutti i Vostri commenti, dare un nome al nostro computer, perché sarà un nostro compagno in questo scambio di comunione di pensieri, di comunicazione tra noi con ciascuno di VOI ed altri, e lo abbiamo chiamato Franceschino, in modo che non sia più un semplice oggetto, che fino ad ora ci era stato rappresentato come un qualcosa di brutto, di pericoloso, etc… ma un compagno di viaggio durante questa avventura della vita, e come tutte le cose che non si conoscono possono certamente incutere paura, ma noi dopo questa esperienza di grande solidarietà con Samuele, proprio attraverso questo apparecchio, non possiamo altro che vantarne i pregi, certamente conoscendo anche l’altro aspetto negativo;
sta sempre alla libertà dell’individuo saper gestire qualunque cosa, anche semplicemente un computer.
Un abbraccio fraterno con ciascuno di VOI ed anche ai VOSTRI cari.
Babbo Ido e mamma Piera.

Il babbo Ido adesso ha anche un profilo FaceBook
😉

13 Comments

  1. In Italia esiste il “Fondo Vittime della Strada”, credo si chiami così; informatevi, magari tramite la vostra assicurazione; non so se ha valenza all’estero, specialmente in ambito extraeuropeo…ma sei comunque cittadino italiano..
    Ti saluto e ti invio un po’ di forza in più 🙂

  2. Sono un po’ sconvolta dalla tua situazione
    stasera vedo le amiche e organizziamo qualcosa per darti mano e farti sentire quanto affetto e amore muovi.
    Un abbraccio che ti curi,
    una carezza che ti lenisca il dolore

  3. caro sam,
    stavo andando a fare un bonifico per te quando elena, una delle mie più dolci e care dipendenti, mi ha pregata di aggiungere un suo contributo…non ti conosce, ma vuole esserti vicina…ti ha mandato anche un messaggio…difficile apprezzare completamente i sentimenti che prova quella ragazza senza aver mai visto il suo sguardo…
    …appena possibile te la farò conoscere…baci…sab…

  4. Samuele carissimo, sei davvero bravo. Pregherò per te e ti sarò vicina. Un grande abbraccio danzante a te e ai tuoi genitori, tra un po’ sarà tutto passato e aspettiamo di rivederti e organizzare ancora tante belle cose insieme

  5. Ciao Samuele, mi hanno girato la tua mail e con questo mio commento volevo farti arrivare la forza dell’insieme che tiene legate ogni energia per poter superare e sostenere i momenti difficili…coraggio!forza! un pensiero a te e ai medici che guidati dalla mano Divina possano usare sapienza e scienza. Buona vita, Domenica

  6. Caro Sam,
    ti auguro tanta forza per superare alla grande questo periodo così movimentato. Ti pensiamo con affetto!
    Cari amici di Sam,
    L’abbate Pierre, fondatore delle comunità di Emaus, proponeva delle azioni chiamate 10 per 1. Se 10 persone offrono 10 euro, sono già 100 euro per l’amico in difficoltà. Samuel mi hai detto un giorno di avere centinaia di amici. È l’occasione di sperimentare se questa catena di solidarietà funziona, facendo uso dell’informazione seguente:
    Samuele Canestri, IBAN IT26O0316501600000110190092.
    Ciao!
    Ni

  7. Caro Samuele,
    sai che nemmeno ci conosciamo davvero? In realtà mi hai incluso nella mailing list quasi per mistero.. solo una volta ci siamo sentiti per telefono, tramite amici, io cercavo ospitalità a Firenze.. si parla ormai di quasi due anni fa.. Ma ho sempre letto volentieri i tuoi post, mi piacciono le persone che credono in quello che fanno..è così che si può dare un vero senso alla propria vita!
    Perciò ora che hai avuto quest’incidente sono certa che tu riuscirai a trovare la tua spiegazione e a vivere al meglio questa difficoltà. Ti auguro di guarire presto, e di avere sempre una protezione universale infinita, che ti dia la forza di essere sempre luce!
    In bocca al lupo, un abbraccio

  8. Caro Samuele, ti ho pensato in questi giorni dopo aver appreso del tuo brutto incidente. Due sono le cose che mi hanno colpito: la documentazione fotografica e l’attimo in cui tu hai perso la conoscenza di questa dimensione della realtà. Le foto sono molto impressionanti. Un documento sulla fragilità del corpo fatto di materia. L’unica cosa che ricordi è stata la tua volontà di uscire di strada. Se rifletti è quello che hai scelto quando il mondo ti è venuto addosso. Il tuo Spirito guida ti ha protetto offrendoti una seconda possibilità per proseguire il cammino. Tra un po’ le ferite nella materia guariranno e Tu sarai pronto per nuove sfide che ti auguro siano senza altri problemi. La Salute del Spirito è la salute del corpo. Un fraterno abbraccio.

  9. Ciao Super Sam come stai? è un bel po’ che non ho tue notizie, mi sento vagamente inquieta, mi dai i tuoi aggiornamenti? ti ho fatto il bonifico ecc i soldi sono sufficienti o c’è bisogno ancora? dai appena puoi fammi sapere di te. Ti penso sempre e ti faccio Reiki, che l’Energia Armonica ti riconduca a te stesso intero, pieno, sano e brillante come è la tua Verità. Un abbraccio tenero e lungo, m. chiara capecchi

  10. Ciao Sam ci conosciamo da pocosu FB ,o letto la tua storia,la MADONNINA ti a protetto ,ora a più di un anno ,come stai fisicamente…ti Auguro il meglio in ogni campo,un ABBRACCIO DI LUCE PER ESSERE FELICE IN EVOLUZIONE INFINITA Orianna Bacchilega

Leave a Reply

 

Sfera invisibile di protezione da elettrosmog e 5G

5G protection,dispositivi anti-elettrosmog – protezione dai campi elettromagnetici sia di origine artificiale (5G/4G/3G/2G/1G e altre radiofrequenze, cellulari, GPS, WiFi, computer, elettrodomestici, apparecchi elettrici ed elettronici, ripetitori, elettrodotti, satelliti, etc…)
che naturale (reti magnetico-telluriche, irraggiamento cosmico e solare, fulmini, gas radon, etc…)
a beneficio delle persone, ma anche degli animali e vegetali, che crescono più sani e produttivi.
Raccomandiamo Combiplus che scioglie anche buona parte del calcare dell’acqua (quindi meno detersivi e temperatura di lavaggio in lavatrice più bassa), migliora il gusto di cibi e bevande, riduce il loro tempo di cottura e allunga il loro periodo di conservazione, riduce l’utilizzo di carburante per la caldaia e i mezzi a motore.
Questi dispositivi riducono sensibilmente le problematiche più frequenti causate dall’elettrosmog quali stress e ansia, emicranie e cefalee, disturbi del sonno, disturbi digestivi, intolleranze alimentari, affaticamento psico-fisico generalizzato e stress ossidativo.

 

 

Banca mondiale del Tempo

 

 


GUADAGNA COMPRANDO!!!
Registrati qui ed hai subito un bonus di € 10.
E’ un sito che ti restituisce parte dei soldi (cashback) ogni volta che fai un acquisto su 632 siti tra i più usati.
E’ GRATIS PER SEMPRE, E SENZA NESSUN OBBLIGO.